A MONTICHIARI LA SECONDA EDIZIONE DELLA FIERA DEL FUMETTO CONQUISTA TUTTI

– di Roberto Bonzi – 17.000 mila presenze per Gardacon, la fiera del fumetto, del videogioco e della cultura pop giunta alla seconda edizione.

Una grande festa all’insegna del divertimento in ogni sua forma che ha coinvolto gli appassionati di comics, cosplay, cartoons e videogames, ma anche tantissime famiglie: due giorni di attività, una superficie espositiva di oltre 25 mila metri quadrati, un pubblico partecipe e rispettoso delle misure sanitarie vigenti

Si chiude con il record di 17.000 presenze la seconda edizione di Gardacon: un weekend di entusiasmo nei padiglioni del Centro Fiera di Montichiari e un importante segnale di ripartenza per il settore fieristico, che dopo lo stop dovuto all’emergenza sanitaria rinnova la propria vitalità valorizzando le passioni di giovani e adulti.

Gardacon è una fiera adatta a tutti, che affianca ai videogiochi vintage degli anni Ottanta le più recenti uscite per le console di nuova generazione, ai classici del fumetto targati Marvel, DC e Bonelli i manga più apprezzati dai giovanissimi, alle numerose aree interattive un ricco palinsesto di panel e spettacoli. Una manifestazione che annulla le differenze di età e al cui interno ogni visitatore può trovare più di un motivo d’interesse: oltre 100 ospiti si sono avvicendati nelle aree adibite alle conferenze e agli show, dagli idoli del web Dario Moccia e Cartoni Morti ai doppiatori de La Casa di Carta Andrea Lavagnino (il Professore) e Mirko Cannella (Rio), dalle cartoon cover band ai personaggi della televisione anni Duemila, come l’Uomo Gatto Gabriele Sbattella e Danilo Bertazzi, interprete di Tonio Cartonio ne La Melevisione.

Gettonatissima l’area mattoncini – gioco intergenerazionale per eccellenza – dove le migliaia di visitatori hanno potuto ammirare opere straordinarie dei più abili costruttori italiani, tra cui una replica in scala del Modena Park di Vasco Rossi: 8 metri quadrati di diorama con 5600 minifigures, migliaia e migliaia di pezzi, il palco e i tre maxischermi riprodotti in modo fedele. E poi il padiglione Otaku – grande novità del 2021 – che ha accolto case editrici come Star Comics, J-Pop e Manga Senpai, oltre a tante attrazioni e conferenze dedicate alla cultura pop giapponese. Grande entusiasmo infine per le gare cosplay, che hanno radunato sul palco i molti appassionati di cartoni animati e serie tv, vestiti esattamente come i loro personaggi di fantasia preferiti.

“Gardacon 2021 chiude con un bilancio positivo e molto incoraggiante, ben superiore alle aspettative”, dichiara Ezio Zorzi, direttore del Centro Fiera di Montichiari. “La crescita di visitatori rispetto al 2019 è pari ad oltre il 20% e assume un significato ancora maggiore in questa fase di ripartenza del sistema fieristico. Nonostante sia solo alla seconda edizione, la fiera ha già un’identità forte con una proposta adatta alle famiglie, che intercetta i gusti delle nuove generazioni. La due giorni di Gardacon dimostra che c’è voglia di ripartire e tornare a vivere la fiera come incontro ed esperienza emozionale. Un ottimo auspicio per l’edizione 2022”.

- pubblicità -