Darmstadt: solidarietà per Brescia

0
80

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria che ha investito la nostra città e la nostra provincia, la città di Darmstadt, gemellata con Brescia dal 1991, ha dato prova di grande attenzione e solidarietà nei confronti dei bresciani.

Già a metà marzo, il sindaco Jochen Partsch ha inviato una fornitura di dispositivi di protezione completi per il personale sanitario delle aeree triage degli Spedali Civili. Subito dopo ha aperto un conto corrente dedicato a SOStieni Brescia, sensibilizzando i suoi concittadini a sostenere i gemelli bresciani in difficoltà. La raccolta fondi nella città tedesca ha raggiunto, alla data odierna, la cifra di 28mila euro. Con una nota sul quotidiano locale Darmstaedter Echo, il sindaco Partsch ha elogiato il senso europeista dei suoi concittadini: “La crisi umanitaria della pandemia da Covid-19 mostra in modo esemplare come si deve esprimere la solidarietà europea a livello locale. I cittadini di Darmstadt rispondono con empatia alla sofferenza dei nostri amici a Brescia e con la loro disponibilità dimostrano ancora una volta l’importanza delle relazioni tra città in Europa e nel mondo”.

Ma non solo l’Amministrazione Comunale di Darmstadt si è ampiamente prodigata nel fornire aiuti a Brescia. La multinazionale farmaceutica Merck, con sede a Darmstadt, ha inviato in omaggio cinquemila mascherine FFP2 da destinare ai volontari che prestano servizio straordinario nell’emergenza Covid-19. Diverse associazioni culturali e sportive, tra cui le attivissime Originalfrendkreis e EuropaRad, hanno partecipato alla raccolta fondi e pubblicano quotidianamente gli aggiornamenti sulla situazione sanitaria della nostra città. Alcune riviste, redatte e distribuite in tutta l’Assia, dedicano una particolare attenzione alla grave crisi che ci ha colpiti e, in una recente intervista al Vicesindaco Laura Castelletti, hanno espressamente chiesto in che modo possono venire in nostro aiuto.

Tutto questo in un momento molto critico anche per quell’area della Germania, per la quale lo stesso sindaco Partsch ha dovuto assumere provvedimenti straordinari e inoltrare richiesta di assistenza sia al Land Assia, sia al Governo Federale.

Il Sindaco Emilio del Bono ha già espresso il desiderio di un più puntuale confronto con il suo omologo tedesco sulle criticità che sono emerse in questi mesi, con un’attenzione particolare ai sistemi di assistenza territoriale e al ruolo delle Autonomie Locali nella gestione delle emergenze.

(Ufficio Stampa Comune di Brescia)

- pubblicità -