I leader UE: si decide un futuro comune al vertice di Sibiu

0
101

Bruxelles – Riunione a Sibiu (Romania) il 9 maggio 2019 per i leader dell’UE, come proposto dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione del 2017, per discutere della prossima agenda strategica dell’UE per il periodo 2019-2024.

I leader procederanno a uno scambio di opinioni sulle sfide e sulle priorità dell’UE nei prossimi anni. L’attuale agenda era stata concordata nel giugno 2014 dal Consiglio europeo, dando vita alle 10 priorità politiche della Commissione Juncker. Cinque anni dopo, le iniziative prese per conseguire queste priorità hanno prodotto risultati tangibili per i cittadini, nonostante alcune difficoltà impreviste che sono tuttora fonte di gravi problemi per l’Unione. Sulla base delle raccomandazioni politiche sul modo in cui l’Europa potrà plasmare il futuro che l’attende, presentate la settimana scorsa, la Commissione riesamina oggi i risultati ottenuti negli ultimi cinque anni.

Il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato: “Quando ho assunto le mie funzioni ho dichiarato che quella era la nostra ultima possibilità di dimostrare agli europei che l’Unione lavora per loro. Negli ultimi cinque anni mi sono adoperato con costante impegno per tener fede alle promesse fatte. Se in alcuni ambiti ritengo che abbiamo superato le aspettative, in altri non è stato possibile realizzare quello che ci eravamo prefissati. Sono convinto tuttavia che siamo sempre intervenuti sui temi più importanti. Ora l’Unione deve guardare avanti, imparando dalle esperienze e prendendo le mosse dai suoi successi. Dobbiamo essere più ambiziosi e determinati che mai.”

Solidi risultati nel tempo

Le 10 priorità della Commissione Juncker riguardavano ciò che stava più a cuore agli europei: rilanciare l’occupazione, la crescita e gli investimenti, potenziare l’equità sociale, gestire la migrazione, attenuare le minacce alla sicurezza, sfruttare le opportunità offerte dalla transizione digitale ed energetica, dare all’UE un ruolo più incisivo a livello mondiale e rafforzare la trasparenza e la legittimità democratica.

Entro l’estate 2018 la Commissione Juncker aveva presentato tutte le proposte legislative per le quali si era impegnata a inizio mandato, formulandone in totale 471 nuove e portandone avanti 44 presentate dalle Commissioni precedenti. Di queste proposte, 348 sono state adottate dal Parlamento europeo e dal Consiglio o ne hanno ottenuto l’accordo nel corso del mandato attuale.

Le 20 schede informative pubblicate oggi dalla Commissione dimostrano come l’UE sia riuscita a rispettare gli impegni presi nel 2014 nell’agenda strategica del Consiglio europeo e nelle dieci priorità politiche della Commissione Juncker.

Prospettive

La scorsa settimana la Commissione europea ha presentato una serie di raccomandazioni politiche sul modo in cui l’Europa potrà plasmare il futuro che l’attende in un mondo sempre più multipolare e incerto. La Commissione raccomanda che l’agenda strategica dell’UE per il periodo 2019-2024 si concentri su 5 dimensioni fondamentali:

  • un’Europa che protegge, perché nel mondo di oggi la pace è potere;
  • un’Europa competitiva che investe nelle tecnologie di domani e sostiene le nostre maggiori risorse: il mercato unico, la nostra industria e la nostra moneta comune;
  • un’Europa equa che difende i nostri principi fondamentali in materia di uguaglianza, Stato di diritto e giustizia sociale nel mondo moderno;
  • un’Europa sostenibile che assume la guida dello sviluppo sostenibile e della lotta ai cambiamenti climatici;
  • un’Europa influente, che cerca di proteggere e aggiornare il sistema basato sul regole che finora ci è stato così utile.

La riunione dei leader dell’UE a 27 a Sibiu può fare tesoro di questa esperienza per definire nuovi orientamenti politici e nuove priorità per l’Unione in vista delle elezioni del Parlamento europeo del 23-26 maggio 2019 e del cambio di leadership politica delle istituzioni dell’UE che ne scaturirà.

Il Presidente Juncker rappresenterà la Commissione europea alla riunione informale dei capi di Stato o di governo dell’UE a 27 che si terrà a Sibiu il 9 maggio 2019. Parteciperà prima, insieme al Presidente rumeno Iohannis, a un dialogo con i cittadini che inizierà alle ore 18 CET dell’8 maggio 2019.

A Sibiu saranno presenti anche i Commissari Thyssen e Navracsics, che inaugureranno l’evento per i giovani intitolato Let’s shape the future of Europe together e assisteranno alla cerimonia di premiazione del concorso fotografico #MySocialEurope. Il Commissario Navracsics consegnerà inoltre i premi ai vincitori del concorso fotografico di questo mese intitolato “My magical European Solidarity Corps moment”.

Contesto

Cinque anni fa il Consiglio europeo ha definito una vasta agenda strategica per l’Unione in una fase di cambiamento, che ha assunto forma più nitida con le 10 priorità politichedel Presidente Jean-Claude Juncker, sviluppate durante la campagna elettorale e in dialogo con gli Stati membri e il Parlamento europeo. La Commissione Juncker ha conseguito solidi risultati nell’attuazione dell’agenda strategica.

L’UE ha ora bisogno di traguardi nuovi, ambiziosi, realistici e mirati per il prossimo ciclo politico.

Nel marzo 2017, in vista del 60º anniversario dei trattati di Roma, la Commissione ha pubblicato il Libro bianco sul futuro dell’Europa, che delineava cinque possibili scenari per il futuro dell’Unione a 27 e che ha dato avvio a un dibattito di ampio respiro sul tema, dal quale si può ora trarre ispirazione per stabilire le principali priorità politiche della prossima agenda strategica. Sono stati tenuti quasi 1 600 dialoghi e consultazioni con i cittadini.

Nel discorso sullo stato dell’Unione 2017 il Presidente Juncker ha tracciato una tabella di marcia con le principali tappe che avrebbero portato a un’Unione più unita, più forte e più democratica. Su queste basi i leader nazionali si sono riuniti a Tallinn (Estonia) e hanno concordato un’agenda dei leader, ossia un elenco delle questioni e delle sfide più urgenti cui occorre trovare una soluzione in vista delle elezioni europee del 2019.

Al vertice dei leader dell’UE del 9 maggio 2019 a Sibiu (Romania) questo processo dovrebbe culminare in un impegno rinnovato per un’UE tesa a realizzare quanto sta davvero a cuore ai cittadini. In quell’incontro i leader rifletteranno sulle aspirazioni politiche dell’Unione e predisporranno l’agenda strategica per i prossimi cinque anni.

(comunicato stampa Commissione Europea)

- pubblicità -