Confidi artigiani: nel 2018 raggiunta quota 17.623 soci

Il presidente: "L’obiettivo è far si che l’imprenditore si riappropri del suo lavoro lasciando a noi Associazione la gestione della burocrazia"

0
77

Il 2018 è stato un anno pesante sotto il profilo del lavoro, ma ricco di soddisfazioni. Un anno di appuntamenti e progetti a favore delle imprese con l’obiettivo di far si che l’imprenditore si riappropri del suo lavoro lasciando a noi Associazione la gestione della burocrazia. I dati ci confortano: 17.623 soci Confidi, 394 nuovi servizi attivati, 67 dipendenti, corsi sulla fatturazione elettronica fatti in 2 mesi, 7 giorni su 7, a circa 15 mila associati. E poi in caso di necessità non una “voce metallica” che dai telefoni dei nostri uffici rimanda ad altre voci metalliche ma uomini e donne formati “in casa” per aiutare le imprese a crescere e districarsi nel ginepraio degli adempimenti. Soprattutto, persone che forniscono risposte specifiche a problemi specifici anche il giorno di Ferragosto, come realmente successo”.

E’ questo il consuntivo fatto dal presidente dell’Associazione Artigiani di Brescia e provincia, Bortolo Agliardi, su un 2018 che ha voluto valorizzare in maniera incisiva “il principio di fondo del sistema associazionistico fatto per diventare sempre più luogo attivo/interattivo”.

Senza dimenticare il ruolo chiave che ricopre in MO.CA., di cui l’Associazione è fra i fondatori. in Brixia Forum, una struttura che sta sviluppando un progetto condiviso di luogo in cui imprenditori e famiglie possano incontrarsi per coniugare attività economica e ricreativa. Nei dibattiti sull’utilità e lo sviluppo di realtà come il Raccordo autostradale della Valtrompia, sul quale “prosegue la nostra azione per dar forza alla infrastruttura attesa da più di 20 anni”, dice Agliardi; sulla Brebemi, un’autostrada che cresce e che con la significativa riduzione dei tempi di percorrenza sulla tratta Brescia-Milano sta determinando un differenziale positivo per lo sviluppo economico del nostro territorio e delle imprese che vi insistono;  sull’Aeroporto di Montichiari, sul quale “sinceramente siamo sfiancati dalla pochezza dei risultati – sottolinea amaramente il presidente dell’Associazione Artigiani – Nonostante l’impegno e la coerenza del sistema imprenditoriale, l’assenza della politica è il vero limite al risultato. Non si intravede “il fuoco” che deve attivarsi quando di mezzo ci sono interessi strategici di una provincia, superiori agli schieramenti di parte”; sulla TAV, infrastruttura “sulla quale crediamo che sia corretto garantire al Paese valutazioni sui costi e benefici di ogni grande opera, ma è dovere delle Istituzioni comprendere e capire quanto nel tempo ogni opera possa portare benefici ad un territorio come il nostro”, conclude Agliardi che aggiunge: “di ricette ce ne sono tante. L’Associazione crede che i risultati si ottengono solo se si riesce a far bene rete fra le Organizzazioni portatrici di interessi diffusi, avendo ben presente che questa attività deve essere compiuta con maggior efficacia e capacità propositiva, senza perdere di vista i valori ed il bene per le imprese, le famiglie, i collaboratori e di conseguenza, possiamo dire, la società civile”.

Attività

Artigiani, start up, giovani, scuole professionali, convegni, occasioni di incontro, talent di idee. Tutto questo è stato a fine settembre “Verso il Borgo”, il progetto quinquennale che l’Associazione Artigiani e Fondazione Castello di Padernello hanno sottoscritto per facilitare l’introduzione di scuole-impresa artigiane nell’attività locale. Una manifestazione che sta già organizzando l’edizione 2019 in vista del grande appuntamento di “Padernello 2020” con importanti novità e numerosi eventi per conoscere, approfondire e condividere il mondo artigiano e quello della formazione.

Poi le attività di continuità: alternanza scuola lavoro; progetto dispersione scolastica; Manifattura 4.0; gestione documentazione storica dell’Associazione; rilevazione congiunturale semestrale; indagini conoscitive sulla qualità e gradimento dei servizi; servizi di recupero e accesso al credito, comparto che nel 2018 ha erogato finanziamenti per 9.341.979 euro (più 22,57% rispetto all’anno precedente).

I confronti elettorali avuti in occasione delle elezioni Politiche e Regionali proseguiranno ora con le Europee e le amministrative che si terranno in 147 Comuni della provincia.

- pubblicità -