Brebemi pronta a ospitare prima autostrada elettrificata

Per consentire l’alimentazione degli autocarri dotati di catena cinematica ibrida con motore elettrico alimentato attraverso un pantografo.

0
31
Scania R 450 6x2 Highline with pantograph, electrically powered truck. Gross Dölln, Germany Photo: Dan Boman 2017

L’Italia è pronta ad ospitare la sua prima autostrada elettrificata: l’A35 Brebemi si candida infatti a diventare la prima autostrada elettrica del nostro Paese.

L’idea è quella di dotare l’autostrada, in entrambe le direzioni, di una linea elettrica sospesa che consenta l’alimentazione degli autocarri dotati di catena cinematica ibrida con motore elettrico alimentato attraverso un pantografo. Al di fuori di questa corsia, ad esempio se il mezzo deve effettuare un sorpasso o abbandonare l’autostrada per raggiungere la sua destinazione, il veicolo può circolare tramite motore elettrico, grazie alle batterie di cui dispone, o tramite il motore a combustione interna (attualmente gli Scania in circolazione). Il passo successivo sarà un’autostrada ad economia circolare con la produzione di energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici.

Convegno a Castenedolo

Lo sviluppo di infrastrutture “elettrificate” destinate al traffico dei mezzi pesanti per abbattere emissioni nocive in atmosfera è un argomento di grande attualità che riguarda il futuro prossimo della mobilità sostenibile, con progetti E-Highway già in via di sperimentazione in nord Europa.

Capofila in Italia di questa rivoluzione potrebbe essere proprio la proposta di CAL (Concessioni Autostradali Lombarde) con l’elettrificazione della A35 Brebemi, autostrada tra le più moderne d’Europa e ideale per una proiezione verso il futuro.

Il progetto, presentato durante il convegno “Il Trasporto Elettrico delle Merci su Strada” svoltosi a Castenedolo nell’ambito dello European Truck Festival, sarà sviluppato in allineamento con il Ministero delle Infrastrutture-Trasporti e il Ministero dell’Ambiente e prevede una prima fase di “studio pilota” in cui la tratta elettrificata sarà tra Calcio e Romano di Lombardia (Bg) per una lunghezza complessiva di circa 6 km, estensione utile a mettere a regime e tarare il sistema.

Il sistema

Le strutture di distribuzione dell’energia elettrica verranno realizzate esternamente alla piattaforma autostradale e la linea di contatto (600-750V in corrente continua) sarà realizzata con un braccio sopra la corsia di marcia ad una altezza di circa 5.5 metri. Una volta verificate efficienza, efficacia e sostenibilità economica della soluzione nonché stabilita una chiara programmazione sovra-nazionale si potrà procedere alla seconda fase che prevede l’elettrificazione della A35 in tutta la sua lunghezza, congiuntamente alla commercializzazione dei veicoli e dei relativi dispositivi per l’utilizzo della linea elettrificata.

Un progetto che ha suscitato grande interesse nel mondo economico e industriale tanto da richiamare a Castenedolo per dibattere sull’argomento i rappresentanti di Regione Lombardia, importanti player di mercato e associazioni di categoria tra cui AISCAT, Prefettura di Brescia, Concessioni Autostradali Lombarde (CAL), Federazione Italiana Autotrasporti, Assoartigiani Brescia, Scania, Siemens, Enel X, Terna, A2A Energy Solution, ABB, Cobat, Esselunga, Italtrans, Brivio&Viganò, Alis, Autorità Portuale Adriatico Orientale, Italferr e una delegazione dalla Regione svedese di Gävleborg che ha presentato il loro progetto di E-Highway in corso.

Il presidente Brebemi, Francesco Bettoni

Siamo molto lieti di aver riunito a Brescia i possibili futuri protagonisti della prossima rivoluzione nella mobilità ha affermato Francesco Bettoni, Presidente A35 Brebemi – e il nostro progetto, sviluppato assieme a CAL (Concessioni Autostradali Lombarde) va in questa direzione. È una rivoluzione copernicana nel trasporto merci su gomma, che permette alla nostra autostrada di inserirsi in una economia circolare, in cui anche l’energia elettrica verrà prodotta accanto alla A35, in un contesto che ci vede sempre più proiettati al futuro, sostenibili e sicuri. La partnership con Siemens e Scania, entrambi punti di riferimento di questo settore, e l’interesse dimostrato da importanti player della logistica oggi qui presenti, sono per noi una garanzia di un progetto che darà grande valore al sistema infrastrutturale lombardo e nazionale”.

L’autostrada A35 Brebemi

E’ il collegamento autostradale direttissimo tra Brescia e Milano, la via più veloce e sicura tra le due città. L’infrastruttura, attiva dal 23 luglio 2014, ha un’estensione di 62,1 km a cui sono state aggiunte la stazione di esazione di Castegnato e le rampe di interconnessione con l’autostrada A4. L’autostrada è raggiungibile dalla città di Brescia attraverso l’autostrada A4 (prendendo la rampa di uscita dopo Brescia Ovest in direzione “A35 Milano – Linate”, dal 13 novembre 2017), la Tangenziale Sud di Brescia e la SP19 oppure utilizzando la nuova A21 (Corda Molle). I caselli dell’autostrada sono sei: Chiari Ovest, Calcio, Romano di Lombardia, Bariano, Caravaggio e Treviglio. Superato l’ultimo casello di Treviglio, ci si immette nell’A58 Tangenziale Est Esterna Milano (TEEM) che consente all’A35 Brebemi di raggiungere la A1 all’altezza di Melegnano, la A4 all’altezza di Agrate, Linate e l’Area Metropolitana di Milano tramite due svincoli, a destra, Pozzuolo Martesana e a sinistra Liscate, che sboccano rispettivamente sulla SP103 Cassanese e sulla SP14 Rivoltana. A35 Brebemi ha ricevuto tre importanti riconoscimenti internazionali, in Usa e UK, quale miglior project financing infrastrutturale.

Le opinioni

La nostra azienda guarda con molta attenzione e interesse il progetto che riguarderà la A35 Brebemi dichiara Germano Bellina, Amministratore Delegato di Italtrans -, una infrastruttura della quale abbiamo colto da subito il potenziale, come dimostra la scelta strategica di aver sviluppato un centro logistico ad alta innovazione tecnologica nel comune di Calcio, in prossimità del casello autostradale. Il tema della mobilità sostenibile, inoltre, ci è particolarmente caro e si traduce in molte iniziative, a cominciare dall’attenzione costante all’efficienza dei nostri mezzi, con motori sempre meno inquinanti, a basse emissioni, e alla scelta di privilegiare, ad esempio in tutti i magazzini, la mobilità elettrica, con batterie al litio e tecnologie avanzate. Il progetto CAL-Brebemi è una nuova sfida: cercheremo di parteciparvi in veste di protagonisti nelle diverse fasi, fiduciosi anche nei positivi risvolti economici che questo potrà significare per le aziende del nostro settore”.

Non posso che considerarmi davvero contento della scelta di A35 Brebemi nel portare avanti anche in Italia un progetto che sta dando i suoi buoni frutti in altre sperimentazioni Europee – dichiara Mauro Brivio, Amministratore Delegato Brivio&Viganò. Sicuramente la possibile sostituzione dell’elettricità al gasolio promette di portare marginalità alle aziende di trasporto, considerando che il gasolio pesa all’incirca il 30% sui costi aziendali, e nel contempo contribuirà a rendere la logistica sempre più sostenibile.”

Siamo pronti a collaborare con A35 Brebemi per dare vita alla prima autostrada elettrificata in Italia, un progetto estremamente rivoluzionario destinato a cambiare per sempre la concezione del trasporto su gomma”, ha evidenziato Franco Fenoglio, presidente e Amministratore Delegato di Italscania. “La collaborazione di Scania con A35 Brebemi, Siemens e tutti gli interlocutori coinvolti in questo progetto dimostra come solo attraverso la cooperazione con partner strategici riusciremo ad accelerare il processo di cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile. Lo sviluppo della prima autostrada elettrificata in Italia, una delle prime in Europa, è un esempio di grande eccellenza sul fronte dell’innovazione: un motivo di grande orgoglio per il nostro Paese”.

CAL è stata nell’ultimo decennio al centro del panorama infrastrutturale nazionale avendo realizzato, nel rispetto dei tempi e dei costi previsti in sede di approvazione dei relativi progetti, ben 140 km di moderne autostrade funzionali a rendere le imprese più competitive ed i cittadini lombardi più sicuri nei loro spostamenti. Oggi CAL raccoglie una nuova sfida su un tema che sta acquisendo sempre maggiore rilevanza alla luce degli impegni presi anche dal nostro Paese con la sottoscrizione del Protocollo di Kyoto e dell’Accordo di Parigi”, ha sottolineato Gianantonio Arnoldi, Amministratore Delegato di CALrealizzare, per la prima volta in Italia, una sperimentazione che favorisca lo sviluppo di un sistema di trazione dei mezzi pesanti ad emissione zero nell’autostrada Brebemi, che CAL potrebbe estendere a tutta la sua rete, permettendo in questo modo la creazione di un corridoio di mobilità sostenibile tra Brescia e l’HUB di Malpensa. Con il sostegno attivo di Regione Lombardia ed il placet del Ministero delle Infrastrutture e di quello dell’Ambiente, sarà così finalmente possibile dare un contributo alla individuazione di soluzioni strutturali al problema delle emissioni inquinanti, in linea con le analoghe iniziative in corso in altri paesi europei, quali Svezia e Germania.”

In Svezia

Nel guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile, Scania sta lavorando a diversi progetti con l’obiettivo di accelerare il processo di elettrificazione sia per il trasporto in ambito urbano che nel lungo raggio. In particolare, nel giugno del 2016, l’azienda svedese ha inaugurato i primi due chilometri di strada elettrica costruiti sull’autostrada E16 vicino alla città di Gävle, in Svezia. Ad inizio 2018, inoltre, è stato annunciato il progetto “Trucks for German eHighways” che prevede la costruzione, nel corso del 2019 e 2020, di tre nuove autostrade elettrificate in Germania.

Conclusioni

Il grande interesse per le questioni dibattute durante il convegno e l’importanza dei player riuniti a Brescia a discutere sul futuro della mobilità sostenibile, dimostrano come la strada intrapresa con questa rivoluzione nel trasporto elettrico su gomma possa essere quella corretta”, ha affermato Francesco Bettoni, Presidente A35 Brebemi, nel trarre le conclusioni dei lavori.

Il progetto di elettrificazione della A35 si pregia di avere tra i sostenitori sia un concedente (CAL spa) proiettato come noi nel futuro, sia partner quali Scania e Siemens entrambi punti di riferimento di questo settore, passando per operatori del mondo della logistica interessati a queste nuove tecnologie in grado di innovare l’intero settore del trasporto delle merci. Questi elementi sono per noi una garanzia per un piano di interventi innovativi, capaci di dare grande valore al sistema infrastrutturale lombardo e nazionale”.

- pubblicità -